prata-a-san-dona-1280x960.jpeg

18 Novembre 2019

Vittoria ottenuta ad un gran carattere sull’ostico campo di S.Donà, pur privi della diagonale palleggiatore-opposto titolare. Cuttini “Ragazzi fantastici. Loro grande merito è quello di reagire alle avversità con grande disponibilità e attenzione tattica”

La Tinet Gori Wines infila la terza vittoria consecutiva dopo quelle con Bolzano e Torino e lo fa in un campo non semplice come quello di S.Donà, squadra che aveva iniziato la stagione a spron battuto. Le due squadre si conoscono alla perfezione e forse è anche per questo che la partita e spettacolare con scambi lunghi ed eccellenti difese.

Passerotti in campo con Calderan in regia, al posto dello squalificato Alberini, Link opposto, Marinelli e Galabinov in banda, Tassan e Miscione al centro, Lelli libero. L’inizio è equilibrato, con le due squadre che sostanzialmente tengono con regolarità il cambiopalla. Tinet Gori Wines mette avanti il naso con una pipe di Marinelli: 7-9. Gli risponde con la stessa azione Margutti: 11-11. Poi sale in cattedra l’opposto di casa, Bellei, che dopo aver commesso errore nei primi due attacchi della partita non ha più sbagliato nulla e in pratica messo a terra tutti i palloni decisivi. Come quello del contrattacco che ha dato ai sandonatesi il 17-15 dopo una strepitosa difesa su Link, lasciato senza muro da Calderan. I Passerotti cercano di non lasciare fuggire i veneti, ma ci pensa sempre Bellei a portare i suoi sul 23-20. Un’invasione e un fallo di seconda linea di Cristofaletti riportano sotto i ragazzi di Cuttini che poi però devono issare bandiera bianca dopo un attacco di Margutti ed un errore in primo tempo di Tassan: 25-22.

Ottima reazione d’orgoglio dei Passerotti che impattano sull’ 1-1. L’inizio non è dei più promettenti: 3-0 per i ragazzi del Piave. Sul 6-4 però l’artiglieria veneta si grippa e la Tinet infila un promettente parziale di 0-5 nel quale intervengono fattivamente Marinelli, Link e Tassan con un muro granitico. Si iscrive al festival del bravo attaccante anche Galabinov che ne schianta a terra due consecutivi: 10-13. Da circoletto rosso l’azione che porta al massimo vantaggio sul 13-19. Uno scambio lunghissimo con ottime azioni difensive e di copertura conclusa con una pipe di Marinelli che fa esplodere di gioia i numerosi tifosi gialloblu giunti a Noventa. I ragazzi di Cuttini continuano a macinare gioco e ottenere punti con regolarità. Galabinov vince il contrasto del 15-22. Entra il giovane palleggiatore di Zoppola (classe 2002) ex Futura Cordenons, Matteo Mignano e piazza un ace: 17-22. Ma la Tinet non si intimorisce e conquista un cambio palla immediato. Marinelli si procura 5 set point. Il primo è annullato dal “solito” Bellei, ma sull’azione successiva l’errore in battuta sandonatese premia i Passerotti che si portano a casa il parziale per 20-25.

Tinet Gori Wines mette la freccia e passa avanti nel conto dei set. Lo fa in un set dall’andamento schizofrenico nel quale poi i gialloblù sono bravi a mantenere i nervi saldi nel finale giocato punto a punto.
Il turno di servizio di Galabinov fa volare i Passerotti: 1-6. Il gioco scorre che è un piacere nel campo pratese e il punteggio si muove fino al 10-15. Poi un “videocheck” chilometrico, che sanziona un’invasione a rete dei ragazzi di Cuttini toglie un po’ di abbrivio e ritmo gara alla Tinet, che subisce il rientro dei padroni di casa, abili a stoppare con due muri consecutivi i Passerotti: 13-15. La partita è equilibrata, gli scambi sono lunghi e il pubblico si diverte. Lelli è straordinario in un paio di occasioni, ma i sandonatesi si rifanno sotto, fino a riagganciare Prata con un mani fuori di Cristofaletti che marca il 20-20. Poi un errore in battuta blocca lo slancio del team di Totire che poi subisce il turno di servizio di Calderan: 20-23. Marinelli mette a terra la pipe del 21-24. Bellei la riapre con due bombe in battuta: 23-24. A chiudere un manifuori d’autore di capitan Marinelli: 23-25.

Il quarto set sembra non avere padrone fino all’ 8-8. Poi Galabinov marca due punti consecutivi e Calderan dai 9 metri spara l’ace dell’ 8-11. Bellei cerca di riportare sotto i suoi, ma la Tinet gioca bene di squadra e tutti gli effettivi in campo danno il loro contributo. Muro di Tassan, ace di Link e bomba in attacco di Marinelli. Si vola sull’ 11-18. Totire rivoluziona la squadra inserendo Kacperkiewicz, Mignano e Mian. I Passerotti, però, sono un treno in corsa e non intendono fermarsi. Marinelli e Link martellano da ogni posizione e i sandonatesi ci mettono anche qualche errore: 13-22. Mian fa vedere buone cose, ma poi una pipe di Marinelli e un “mani-alto” d’autore di Link fabbo veleggiare la Tinet fino al 15-24. Mian annulla il primo match point, ma poi l’Invent si arrende alla verve di Link nell’azione successiva: 16-25 e 3-1 dopo una prestazione che da una bella iniezione di fiducia alla Tinet Gori Wines

Sono contentissimo per i ragazzi – racconta un euforico Cuttini a fine partita – non è facile per loro reagire a tutte le difficoltà che ci hanno colpito nell’ultimo periodo, ma oggi lo abbiamo fatto alla grande, grazie alla loro enorme disponibilità e applicazione. In pratica sapevamo di dover giocare senza la nostra diagonale titolare, ma Calderan si è fatto trovare pronto e specie in posto 4 ha spedito palloni fantastici. Link dopo un inizio da schiacciatore sta riprendendo confidenza con l’attacco da posto 2 e i centrali considerando le difficoltà fisiche stanno sopportando un grandissimo carico di lavoro, ma poi anche oggi sono stati tatticamente impeccabili. Ecco, forse è questa la cosa che mi rende più orgoglioso: la grande applicazione tattica di tutta la squadra anche nei momenti difficili. Poi non posso dimenticare Michele Marinelli e Ned Deltchev che hanno stretto i denti per il bene della squadra. Ned in particolare, anche se non ha avuto modo di dimostrarlo sul parquet è stato preziosissimo perchè senza il suo gran lavoro in settimana non avremmo potuto preparare bene questo match. Ma oggi tutti hanno fatto una ottima prestazione, soprattutto dal lato caratteriale. Adesso dobbiamo cercare di vincere anche il primo set, ma penso che questa cosa sia dovuta anche al fatto che in pratica in settimana ci troviamo a dover gestire salti e fasi di gioco per delle noie fisiche e quindi ci vuole un po’ prima di acquisire il giusto ritmo gara”

INVENT S.DONA’ – TINET GORI WINES PRATA 1-3

S.Donà: Bomben, Cioffi 4, Kacperkiewicz 3, Cristofaletti 10, Busato, Margutti 6, Mignano 1, Mian 2, Polo 5, Bellei 25, Spanò, Palmarin, Santi (L), Piazza 2. All: Totire

Prata: Baldazzi, L. Calderan 4, Tolot, Miscione 8, Tassan 6, Marinelli 19, Meneghel, Lelli (L), Rau, Vivan (L), Link 16, Deltchev, Galabinov 16, A. Calderan. All: Cuttini

Arbitri: Giglio di Trento e Sessolo di Treviso

Parziali: 25-22 / 20-25 / 23-25 / 16-25


Jacob-torino.jpg

16 Novembre 2019

Pronti al primo derby contro un S. Donà reduce da un bottino di tre vittorie e abbonato alle partite finite al tie break. Sturam “Rispetto per tutti, paura per nessuno”. Link “La vittoria ci ha caricato. Nonostante la sfortuna ho buone sensazioni”

E’ in arrivo il primo derby stagionale. La Tinet Gori Wines domani alle 18.00 sarà di scena al Palasport “Fontebasso” di Noventa di Piave, dove affronterà l’Invent S. Donà. Una gara tra due squadre che si conoscono molto bene viste le numerose amichevoli precampionato che i due team hanno organizzato assieme.

I biancoblu di Michele Totire sono partiti alla grande, infilando un tris di vittorie nelle prime gare ed arrendendosi in un tiratissimo tie break finito 17-15 all’Unitrento la settimana scorsa, dopo essere peraltro stati in vantaggio per 0-2.

Guidati in regia dal pescarese Piazza (per lui già parecchi anni di esperienza in A2 tra Macerata, Cantù, Lagonegro, Bergamo e Alessano) che forma un’interessante diagonale con l’esperto opposto Giacomo Bellei (best scorer del team che viaggia a oltre 20 punti di media a partita). In banda il figlio d’arte Pietro Margutti (suo padre Stefano vinse tutto con il Messaggero Ravenna di Vullo, Kiraly e Timmons) e Cristofaletti con il polacco Kacperkiewicz pronto ad entrare in ogni situazione. Al centro della rete Cioffi e Polo mentre il libero è Sebastiano Santi.

Nel campo gialloblù ci sono alte possibilità che venga riproposto il sestetto vincente della scorsa settimana considerate anche le assenze di Baldazzi e Deltchev che sono comunque in fase di recupero

Faremo di tutto per giocarci le nostre carte – arringa i Passerotti il DS Luciano Sturam – Siamo consapevoli delle difficoltà che incontreremo, ma determinati a mettere in campo i nostri punti di forza per affrontare al meglio gli avversari. Abbiamo rispetto di tutti, ma paura di nessuno”

La settimana scorsa abbiamo conquistato una bellissima vittoria – ci dice Jacob Link, capace di marcare 26 punti contro Torino la settimana scorsa – Siamo stati un po’ sfortunati nelle ultime settimane con diversi infortuni quindi è più difficile trovare il giusto ritmo. La prossima partita sarà molto dura contro una squadra molto forte che ha iniziato il campionato bene. Conosciamo bene S. Donà perchè abbiamo giocato due volte contro di loro, ma ho buone sensazioni e spero che potremo portare un’altra vittoria a casa”

Non resta che presentarsi a Noventa di Piave pronti a fare il tifo in questo derby infuocato. Alle 18.00 daranno il fischio d’inizio Anthony Giglio di Trento e Maurina Sessolo di Treviso.


Ph.-Franco-Moret-2019-25.jpg

10 Novembre 2019

Prima gioia da tre punti al PalaPrata. Nonostante gli acciacchi i Passerotti lottano e portano a casa l’intera posta in palio. Link torna in posto 2 e marca 26 punti col 50% di positività in attacco

Vittoria! La prima gioia stagionale da 3 punti arriva dopo una partita sofferta nella quale la Tinet Gori Wines ha saputo reagire alle difficoltà date dal forfait del proprio opposto titolare Baldazzi e dalle non perfette condizioni fisiche nelle quali è sceso in campo Michele Marinelli, che da vero capitano ha stretto i denti e dato il proprio contributo. Sale così a due la striscia di vittorie consecutive, che si spera diano fiducia ed entusiasmo ai gialloblu.

Cuttini si affida ad Alberini in regia. Jacob Link torna nel suo ruolo “storico” di opposto e dimostra di essere una sicurezza. Per lui 26 punti e un buon 50% di positività in attacco. Al centro ci sono Miscione e Tassan mentre in banda giocano Marinelli e Galabinov. Come di consueto Matteo Lelli sovraintende alle operazioni di ricezione e difesa nel ruolo di libero. Falsa partenza per i Passerotti che faticano contro una Vivibanca Torino ordinata e poco fallosa. L’inizio è promettente con Link e Galabinov che marcano i primi due punti. Ma la Vivibanca riesce a rientrare anche perchè la battuta gialloblu è poco efficace. Bene invece quando Alberini riesce ad innescare Miscione e Tassan al centro. Gli ospiti ottengono un break di due punti, che viene rintuzzato da un attacco e da un ace di Link che danno il 12-12. Poi però sale di tono il muro torinese che stoppa un paio di volte i ragazzi di Cuttini. Miscione con un muro dopo una spettacolare azione difensiva di tutta la squadra consegna il 16-16 e fa esplodere il PalaPrata. Poi però l’opposto Gerbino e un ace tra Lelli e Marinelli fa riprendere quota ai piemontesi. Prova a riaprirla Marinelli col punto del 20-22 (per il capitano un set regolare con un buon 67% in attacco), ma poi sbaglia la battuta subito dopo. Link non si arrende, ma viene stoppato nell’azione che consegna il set point alla Vivibanca. Torinesi che la chiudono subito per un palleggio di Miscione ritenuto falloso: 21-25

Pronto riscatto della Tinet Gori Wines che impatta e porta il match sull’1-1. La partita è equilibrata come nel primo parziale. Primo strappo pratese che approfitta di un’invasione ospite e poi piazza un ace con Marinelli: 15-13. Capitan Gerbino riporta sotto i suoi con due punti consecutivi: 15-15. Poi il gran dominatore diventa il muro della Tinet Gori Wines: Tassan mura una pipe di Del Campo e poi Link stoppa a 1 Galliani facendo letteralmente impazzire la torcida gialloblu: 22-18. E’ di nuovo muro-show. Marinelli stampa Gerbino: 23-20. Poi Alberini sente caldo il braccio di Tassan e lo arma. Eugenio risponde alla grande alla fiducia del proprio palleggiatore e schianta a terra due primi tempi che consentono ai Passerotti di volare sul 25-22: 1-1

Operazione sorpasso completata dalla Tinet Gori Wines che parte subito bene acquisendo un vantaggio di 4 punti sul 10-6. Torino accorcia minacciosamente e si porta 12-10 complici alcuen giocate efficaci a centro rete, ma c’ un nuovo strappo dei Passerotti costruito sul turno di battuta di Link. Gli attaccanti piemontesi, memori delle murate prese nel parziale precedente provano a variare i colpi ma incappano in alcuni errori diretti: 16-11. Buon momento anche per Yordan Galabinov che mette un paio di bei lungolinea da posto 4: 19-15. Alberini si innervosisce e becca un cartellino rosso dal signor Jacobacci: 22-18. Link suona la carica e segna i punti 23 e 24. La Vivibanca annulla il primo set ball, ma nulla può sull’imperioso primo tempo di Miscione che da il 2-1 alla squadra di Cuttini.

Nel quarto parziale il primo squillo arriva da un muro tetto di Galabinov, seguito da un bel punto di prima di Link che approfitta della rice torinese imperfetta che non riesce a contenere la bomba dai 9 metri di Alessio Alberini. Nuovo allungo firmato Svezia con Link che cattura due muri consecutivi: 16-10. Passaggio a vuoto dei Passerotti che subiscono una serie di muri dell’ottimo Piasso. E’ uno scambio di dispiaceri e il fondamentale principe è sempre lo stesso: si iscrive al festival del muro anche Alberini che precede il buon Eugenio Tassan che ne mette a terra altri due (alla fine del match saranno ben 13 le carambole di squadra catturate da Prata). Si vola sul 23-18. Link conquista il primo dei match point: 24-19. Alberini si riaffida allo svedese che però viene stoppato. A piazzare la zampata vincente ci pensa Mirko Miscione che suggella il primo successo da 3 punti e fa gioire il PalaPrata.

TINET GORI WINES PRATA – VIVI BANCA TORINO 3-1

PRATA: Baldazzi, Calderan, Tolot, Alberini 2 , Miscione 13, Tassan 10, Marinelli 13, Meneghel, Lelli (L), Rau, Vivan (L), Link 26, Deltchev, Galabinov 6 . All: Cuttini

TORINO: Cassone, Martina (L), Filippi 3 , Galliani 11, Matta, Felisio, Richeri 1, Mazzone, Mariotti, Valente (L), Gerbino 14, Piasso 9, Del Campo 13 , Mellano 9. All: Simeon

Arbitri: Jacobacci di Venezia e Chiriatti di Lecce


Alessio-Alberini-Foto-Franco-Moret.jpg

8 Novembre 2019

Si cerca la prima vittoria casalinga. Ad opporsi ci sarà il ViviBanca Torino in una sfida che riporta alla mente incontri epici negli anni della B1

La Tinet Gori Wines si è messa in moto dopo la trasferta di Bolzano e non ha nessuna intenzione di fermarsi. Il prossimo obiettivo, contando anche sul calore del PalaPrata, è quello di ottenere i tre punti contro i torinesi del Vivibanca, ancora fermi al palo dopo 3 giornate di campionato.

Non una novità per le due squadre visto che C.S. Prata e Parella Torino si sono già affrontate negli anni passati nel campionato di B1 e anche con le compagini giovanili lo scorso anno alle finali nazionali U14.

Coach Simeon schiera una squadra giovane e con discreta fisicità. Al palleggio c’è il classe ’97 Luca Filippi e sulla sua diagonale Fabio Gerbino. Al centro solitamente giostrano Paolo Mazzone, fratello del centrale azzurro e della Leo Shoes Modena, Daniele, e Mellano. In banda pensano a schiacciare e ricevere il toscano Del Campo e Alessandro Galliani, prodotto del vivaio di Segrate. Il libero è Luca Martina. Una squadra affiatata che gioca insieme da parecchi anni, formata quasi interamente da ragazzi prodotti dal settore giovanile dove, peraltro mosse i primi passi anche l’attuale CT azzurro Gianlorenzo “Chicco” Blengini”.

Un impegno da non sottovalutare per i Passerotti che ci terranno a cogliere la prima vittoria casalinga dopo il doppio impegno in trasferta

La partita di domani, come tutte quelle di questo campionato, non sarà ne semplice, ne banale ne scontata. – è l’opinione del regista della Tinet Gori Wines Alessio Alberini –  Dovremmo metterci tutta la concentrazione e l’agonismo che in parte abbiamo messo a Bolzano e che ci hanno regalato due punti importanti. Abbiamo avuto una settimana un po’ tribolata a causa di alcuni acciacchi che potrebbero condizionare le scelte del coach. In ogni caso questa non sarà un’attenuante o un alibi perchè abbiamo soluzioni alternative valide. Speriamo di trovare i primi punti in casa e di rendere felice il nostro pubblico. Dal canto nostro noi ce la metteremo tutta”


Fiorentino-5120-1280x852.jpg

3 Novembre 2019

Finalmente! La Tinet Gori Wines si sblocca e in quel di Bolzano conquista la prima vittoria stagionale, dopo aver dimostrato grande capacità di reazione

La Tinet Gori Wines sfata la maledizione e riesce a conquistare la prima vittoria stagionale nel campionato di A3. Lo fa al termine di una partita lunghissima, combattuta e tirata, riemergendo con gran carattere dopo un inizio complicato. Cuttini fa scendere in campo Alberini in regia, Baldazzi opposto, Tassan e Miscione al centro, Marinelli e Link in banda e Lelli libero. I gialloblù iniziano contratti e con troppi errori in attacco. Alberini innesca bene i propri centri e riporta la contesa in parità: 8-8. Nuovo strappo bolzanino: 14-11. Sul 18-16 Cuttini fa entrare Galabinov per Link. L’attaccante di origini bulgare, autore complessivamente di una bella partita, risponde bene e con due attacchi, uno potente e uno d’astuzia impatta sul 18-18 e Baldazzi opera il sorpasso sul 20-19. i Passerotti però ritornano vittime delle loro imprecisioni e con 5 errori nelle ultime sei azioni permettono a Bolzano di imporsi sul 25-22.

Il set perso fa aumentare le insicurezze nel campo Tinet Gori e in men che non si dica i gialloblu si trovano sotto 6-2. Lo svantaggio si mantiene costante fino al 12-8. Poi entra in scena il trio dei laterali Galabinov-Baldazzi-Marinelli e la contesa ritorna ad essere giocata in equilibrio. Bravi i ragazzi di Cuttini a mantenere i nervi saldi nel concitato finale e ad approfittare di due errori consecutivi dell’AVS che hanno permesso il 25-27 finale.

Anche nel terzo parziale ci si predispone a lottare palla su palla. Miscione e Baldazzi procurano il primo ministrappo che vale l’11-13 e costringe Palano a chiamare un tempo. Al rientro Galabinov sbaglia il servizio e poi i Passerotti beccano due ace consecutivi. Controsorpasso e 14-13. Si procede a braccetto. Boesso mette a terra il 23-20 e sembra già una palla decisiva. Peccato che Baldazzi non sia per niente d’accordo: 3 punti dell’opposto e un bel primo tempo di Miscione consegnano un importante set point, autoannullato da una battuta sbagliata. Alberini cavalca il suo opposto perchè lo sente caldo, ma Alberto viene stoppato due volte a muro prima da Paoli e poi da Stoyanov e il set prende la via altoatesina: 26-24

Potrebbe esserci un crollo verticale e invece la Tinet Gori Wines reagisce con rabbia: il set si apre con tre punti di fila di Galabinov e un parziale di 2-6. Mini rientro bolzanino sul 10-12, ma poi l’armata dei Passerotti dimostra di essere una vera squadra e propizia un parziale di 1-7 nel quale tutti i giocatori mettono un punto a referto, anche Alberini con un tocco furbo: 11-19. Poi sono bravi a mantenere costante il vantaggio e a concludere con una veloce di Tassan per il definitivo 16-25 che spazza via l’antipatico “zero” in classifica.

La Tinet ha però una missione da compiere e non si accontenta di un punticino. L’obiettivo è la vittoria. Si parte bene e sul 5-2 firmato Michele Marinelli (per il capitano prova di sostanza, poco appariscente, ma molto utile) costringe la panchina di casa a chiamare time out. Si gira campo sul 6-8 dopo un errore in battuta di Stoyanov. La barca gialloblù molla gli ormeggi decisa a navigare in campo aperto. Il vantaggio si dilata e Baldazzi conquista il primo match point murando Stoyanov. Poi diventa una questione di famiglia: Luca Spagnuolo De Vito annulla la prima palla incontro con un pallonetto di seconda, ma poi suo fratello Andrea, professione centrale, sostituisce Bleggi dai 9 metri e sbaglia la battuta che sigilla il 10-15 finale e la prima vittoria stagionale della Tinet Gori Wines

AVS MOSCA BRUNO BOLZANO – TINET GORI WINES PRATA 2-3

BOLZANO: Boesso 17, Bressan, Grillo (L), Held 13, Spagnuolo De Vito L. 1, Bleggi 5, Grassi 1, Brillo (L), Magalini 3, Bandera, Paoli 8, Spagnuolo De Vito A., Stoyanov 18, Gozzo 4. All: Palano

PRATA: Baldazzi 27, Calderan, Tolot, Alberini 2, Miscione 9, Tassan 5, Marinelli 15, Meneghel, Lelli (L), Rau,  Vivan (L), Link 2, Deltchev, Galabinov 16. All: Cuttini

Arbitri: Usai di Cagliari e Prati di Pavia

Parziali: 25-22 / 25-27 / 26-24 / 16-25 /10-15


baldazzi-warm-up.jpg

2 Novembre 2019

AVS Mosca ha tre punti in classifica, frutto della vittoria all’esordio contro Brugherio, ma viene dalla bruciante sconfitta con Motta. Baldazzi “In settimana grande impegno. Dobbiamo mettere in campo le cose buone che facciamo in allenamento”

E’ una Tinet Gori Wines volonterosa e decisa a sbarazzarsi al più presto del fastidioso “zero” presente nella casella punti in classifica, quella che domani scenderà in campo a Bolzano contro l’AVS Mosca Bruno.
Un periodo di rodaggio è necessario per trovare il giusto amalgama tra giocatori che hanno delle ottime qualità.

Coach Cuttini, come di consueto, non si sbottona sulla formazione titolare potendo contare su diverse soluzioni. Tutta la rosa è a disposizione e il tecnico farà le proprie scelte dopo le sedute di rifinitura.

“Questa settimana è andata piuttosto bene in palestra – ci racconta Alberto Baldazzi, opposto della Tinet Gori Wines – Ci siamo allenati forte mettendoci anche qualcosina più del solito dal lato personale. In questo momento, però, non ci troviamo in un bel periodo perché sento che in partita fatichiamo ancora ad esprimere quello che facciamo in allenamento. Ma con il tempo prendendo un po’ di ritmo gara, si può sopperire senz’altro a questa situazione . Per quanto riguarda domenica, Bolzano è una squadra con dei buoni battitori in salto, dobbiamo stare molto attenti a loro perché in casa hanno le armi per metterci in difficoltà nel fondamentale della ricezione.”

I bolzanini sono guidati in regia da Tommaso Grassi, palleggiatore di scuola Lube, che gioca in diagonale con il padovano Filippo Boesso. Gli schiacciatori sono il bulgaro Stoyanov, alla sua prima esperienza italiana e Tim Held figlio del leggendario olandese Henk Jan Held, oro olimpico ad Atlanta nel ’96. Tim nacque due anni dopo quel trionfo e ha fatto tutta la trafila delle giovanili in quel di Modena.

Al centro la grande esperienza di Alessandro Paoli e Niccolò Bleggi, mentre nello spot di libero giostrerà il giovane perugino Raffaele Grillo.

L’appuntamento è per le 18.00 di domenica 3 novembre alla Palestra Max Valier di Via Sorrento 20 a Bolzano.

Arbitreranno Piera Usai di Cagliari e Davide Prati di Pavia


2-giornata-marinellijpg-1280x853.jpg

27 Ottobre 2019

Goldenplast Civitanova superiore ai Passerotti nel gioco. Cuttini “Con pazienza troveremo equilibri e sincronie e faremo il necessario salto di qualità”

Non riesce ancora a sbloccarsi la Tinet Gori Wines che ritorna dalla trasferta marchigiana con un 3-0 al passivo. Come si sapeva i giovani della Goldenplast hanno importanti doti tecniche e fisiche e le hanno messe in campo, ben guidati dal più esperto palleggiatore Partenio e da un opposto, Paoletti, che a dispetto delle 37 primavere è stato in grado di mettere a terra ben 20 punti attaccando con il 56% di positività. Cuttini ha puntato sul sestetto che prevedeva Alberini in cabina di regia, Baldazzi opposto, Tassan e Miscione al centro, capitan Marinelli e Link di banda con Lelli libero. Tutti e tre i parziali hanno avuto un andamento molto simile, con Civitanova abile a scatttare sin dalle prime battute, conquistando un gruzzoletto di 3-4 punti e con i gialloblù ad inseguire. Nel terzo set Cuttini ha provato a cambiare le sicurezze avversarie ricercando traiettorie d’attacco differenti ed inserendo Galabinov in posto 4 per Link e lo scatto della Tinet faceva ben sperare (3-7), ma poi c’è stata la ripresa dei padroni di casa. Dalla panchina per sparigliare la contesa è stato inserito anche Calderan. Si è giunti sul 20-18, ma alla fine i ragazzi di Rosichini hanno contenuto gli errori ed in definitiva giocato meglio, meritando i tre punti.

“Siamo tutti molto amareggiati, giocatori, staff tecnico e dirigenziale per i risultati raccolti fino a qui. – è l’opinione del DS Luciano Sturam “Anche in questa occasione abbiamo affrontato una squadra competitiva e i parziali sono stati eloquenti. Non possiamo trovare scuse particolari. Velasco diceva “Chi vince festeggia e chi perde spiega” Io ribalterei il suo concetto in maniera costruttiva aggiungendo che “chi perde si rimbocca le maniche per migliorare”. Io sento forte la responsabilità per tutto quello che la società ha fatto in questi anni. Ma sono convinto che sapremo rialzarci. Siamo amareggiati, ma assolutamente non rassegnati.”

Jacopo Cuttini propone la sua analisi tecnica del momento: “Il livello del campionato nel periodo estivo era abbastanza un’incognita. Giocando ci siamo resi conto che il livello è molto alto con giocatori capaci di fare la differenza presenti in ogni squadra. Noi stiamo cercando, da due mesi a questa parte, di costruire una squadra che è molto rinnovata. Stiamo lavorando per trovare equilibri e sincronie e per far questo ci vuole tempo. Oggi serviva un’impresa, ma purtroppo non ci siamo riusciti. Dobbiamo ricercare la continuità nel nostro gioco e cercare di sbloccarci, ottenendo un risultato positivo o dei punti, per aumentare le energie che ci servono. Perchè, per colmare il gap, dobbiamo lavorare cercando di lasciar perdere le frustrazioni e trovando l’entusiasmo e l’applicazione giusta che ci permettano di fare il salto di qualità necessario”

Un salto di qualità che tutto il gruppo che lavora nella “famiglia” di Volley Prata vuole ricercare con determinazione, ma anche con la necessaria serenità e pazienza

GOLDENPLAST CIVITANOVA – TINET GORI WINES PRATA 3-0

Civitanova: Disabato 9, Trillini 7, Giorgini (L), Cappio, Partenio 4, D’Amico (L), Ferri, Maletto, Di Silvestre 10, Gonzi, Dal Corso, Sanfilippo 3, Paoletti 20, Esposito. All: Rosichini

Prata: Baldazzi 17, Calderan, Tolot, Alberini 1, Miscione 7, Tassan 5, Marinelli 7, Lelli (L), Rau, Vivan (L), Link 2, Deltchev, Galabinov. All: Cuttini

Arbitri: Dell’Orso di Pescara e Zingaro di Foggia

Parziali: 20/25 – 19/25 – 19/25


Ph.-Franco-Moret-2019-56.jpg

26 Ottobre 2019

Nelle Marche i Passerotti cercano i primi punti stagionali contro la seconda squadra dei campioni d’Italia e d’Europa

Riscatto. Questa è stata la parola chiave in settimana per la Tinet Gori Wines. Dopo il poco fortunato esordio casalingo di sabato scorso i Passerotti sono decisi a smuovere la classifica. Per farlo devono affrontare la trasferta marchigiana che li porterà a Civitanova. Come nel primo match di campionato l’avversario è una squadra giovane, che rappresenta il vivaio dei campioni d’Italia e campioni d’Europa in carica della Lube Civitanova.

Per il sestetto guidato in panchina da Gianni Rosichini la prima di campionato ha avuto molti punti di contatto con quella dei gialloblù. Oltre ad aver subito entrambi un 3-0 (per i marchigiani contro Delta Porto Viro) anche l’andamento dell’incontro è stato simile, con una partenza rallentata e due set persi ai vantaggi.

La dose di esperienza marchigiana deriva dalla diagonale palleggiatore opposto che vede in campo il classe ’93 Partenio, che ormai ha parecchi anni di esperienza tra A2 e A1 e il trentasettenne posto 2 Matteo Paoletti che ha giocato il suo primo anno di A2 nel lontano 1998 a Loreto. Per il resto il sestetto viene completato da tutti atleti Under 21: Di Silvestre (top scorer dei suoi la settimana scorsa con 17 punti) e Disabato in banda, Maletto e Sanfilippo al centro e D’amico libero. Rientrerà lo schiacciatore Dal Corso che nella passata tornata era stato colpito da un lutto familiare, mentre il secondo palleggiatore Gonzi è stato convocato per la trasferta della A1 a Milano.

La Tinet Gori Wines si è messa in viaggio stamattina e raggiungerà le Marche in serata, quando prenderà contatto con il palasport ospite. Tutti presenti gli effettivi della rosa con coach Cuttini che potrà compiere le proprie scelte potendo usufruire di tutti i giocatori

L’appuntamento è per domani alle 18.00 quando Alberto Dell’Orso di Montesilvano (PE) e Marco Riccardo Zingaro di Lucera (FG) daranno il fischio d’inizio

La gara sarà visibile gratuitamente in diretta streaming su Legavolley.tv (www.legavolley.tv), sito a cura di GeniusLive.


Ph.-Franco-Moret-2019-26.jpg

20 Ottobre 2019

Tinet Gori Wines si arrende ai giovani di UniTrento, più bravi a gestire al meglio le situazioni negli infuocati finali

Ci si aspettava un esordio differente per la Tinet Gori Wines che invece deve cedere in tre set ai talentuosi ragazzi del Trentino Volley, più bravi a gestire i punti decisivi degli infuocati finali di secondo e terzo set.

Falsa partenza dei Passerotti che si fanno superare nel set di apertura dai giovani del Trentino Volley. Cuttini fa partire in cabina di regia Alberini in diagonale con Baldazzi. In banda Marinelli e Link, mentre al centro rete ci sono Miscione e Tassan con Lelli libero. L’equilibrio si mantiene fino al 7-8, poi i trentini spingono sull’acceleratore in attacco, mentre la Tinet Gori fatica a fare punti. A fine set i ragazzi di Conci avranno attaccato con il 50% di positività mentre i pratesi arriveranno al 30%. Nonostante gli errori in battuta dell’Unitrento (8 nel parziale) i gialloblù non riescono a rientrare e galleggiano sempre sui 5 punti di distanza. Il muro su Baldazzi conclude il parziale sul 20-25

Nel secondo parziale i sestetti in campo sono gli stessi, ma la Tinet Gori Wines pare scesa sul taraflex più determinata e si fa sentire soprattutto a muro, cogliendo subito tre punti nel fondamentale. Si arriva sul 9-9. Prima sgasata gialloblù sul turno di servizio di Link: 12-9. Lo svedese però sbaglia battuta e i trentini rientrano sul 12-12 grazie a Magalini e Michieletto. La partita è bella ed avvincente e resta incerta. Miscione regala ai suoi il punto del 21-20 siglando il suo centesimo muro in Serie A. Ma la Unitrento risponde con un muro su Baldazzi. Marinelli riporta la Tinet avanti, mentre Pizzini cavalca il centro rete servendo bene Simoni: 23-24. Primo set ball annullato da Link, ma poi gli ospiti portano a casa il parziale con un doppio attacco dell’opposto Poggio.

Jacopo Cuttini decide di rivoluzionare il sestetto per cercare di riprendere la gara. Link torna a giocare come opposto e Galabinov entra in posto 4. Ci si impiega un attimo per trovare l’assetto, e i trentini volano sul 4-8. Il coach della Tinet effettua un cambio in cabina di regia inserendo Calderan. I Passerotti si rifanno sotto approfittando di due errori ospiti e di un ace del neoentrato regista: 12-13. Poi è il turno di Michele Marinelli che firmando due attacchi consecutivi permette l’aggancio sul 15-15. Il sorpasso che fa esultare il PalaPrata è merito di Rau che ha da poco sostituito Tassan e che cattura il muro del 18-17. La Tinet appare in fiducia e Galabinov schianta a terra il muro del 20-18. Poi però Prata permette ai trentini di rientrare con un doppio errore in attacco e poi passare in vantaggio per un fallo di seconda linea. Marinelli impatta sul 23-23. Acuti conquista il primo match ball, annullato sempre dalla banda di Velletri. Link la spedisce fuori dai 9 metri. Palla successiva a Marinelli che annulla un’altra palla decisiva con thriller (video check su palla dentro fuori chiamato direttamente dall’arbitro). Ma poi il romano sbaglia la battuta seguente, mentre i trentini concludono con un ace e conquistano i primi tre punti stagionali

TINET GORI WINES PRATA – UNITRENTO 0-3

Parziali: 20/25 – 24/26 – 25/27

PRATA: Baldazzi 8, Calderan 1, Tolot, Alberini, Miscione 6, Tassan 4, Marinelli 14, Meneghel, Lelli (L), Rau 1, Vivan (L), Link 9 , Deltchev, Galabinov 3. All: Cuttini

TRENTO: Dietre, Michieletto 15, Pol 2, Pizzini 2, Magalini 9, Simoni 7, Bonatesta, Acuti 7, Lambrini (L), Coser, Poggio 11, Zanlucchi (L), Mussari. All: Conci

Arbitri: Laghi di Ravenna e Cecconato di Treviso

 

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – Tel: 347-6853170 – press@volleyprata.it

PHOTOCREDIT – Franco Moret


IMG_6490.jpg

17 Ottobre 2019

Per l’esordio assoluto in A3 sabato al PalaPrata i Passerotti ospiteranno L’UniTrento, team Under 21 del Trentino Volley

Il vecchio adagio “Gli esami non finiscono mai” è quanto mai attuale per la Tinet Gori Wines che sabato alle 20.30 al PalaPrata affronterà direttamente una prova… universitaria.

Per l’esordio stagionale nella nuova categoria, infatti, i ragazzi di Jacopo Cuttini inizieranno a misurare le proprie ambizioni contro la seconda squadra del Trentino Volley, marchiata appunto UniTrento, interamente composta da atleti Under 21 e guidata da Francesco Conci, “collezionista” di titoli giovanili e plasmatore di talenti come Giannelli, Nelli, Cavuto per fare una piccola e non esaustiva lista.

Per questa ragione l’impegno non deve essere assolutamente sottovalutato perchè il team che scenderà in campo sabato presenterà alcuni talenti che nei prossimi anni potrebberò calcare i massimi palcoscenici nazionali. Tra gli altri si segnala un tris di schiacciatori come Alberto Pol, Giulio Magalini e Alessandro Michieletto che ad agosto hanno vinto a Tunisi uno storico oro mondiale U19. Michieletto è stato anche recentemente convocato in prima squadra da Angelo Lorenzetti per partecipare al quadrangolare di Mirandola.

Dal lato Tinet Gori Wines non si segnalano particolari problemi. Coach Cuttini sceglierà all’ultimo minuto lo starting six da opporre ai trentini, valutando attentamente le risultanze del precampionato e la qualità degli ultimi allenamenti.

Si attende, come di consueto, un PalaPrata pieno e festosamente rumoroso. Il fischio d’inizio è previsto per le 20.30 di sabato 19 ottobre e sarà decretato da Marco Laghi di Ravenna e Luca Cecconato di Treviso. Aggiornamenti in tempo reale sui social societari

Tutti assieme per conseguire un bel “trenta” e iniziare al meglio la stagione

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – Tel: 347-6853170 – press@volleyprata.it