Sulle ali dell’entusiasmo per compiere un’altra impresa

29 Novembre 2018
prata-a-cuneo.jpg

La Tinet Gori Wines affronta il duro scoglio Castellana Grotte

La prima affermazione esterna ha portato entusiasmo e positività in casa Tinet Gori Wines. Ingredienti che saranno fondamentali sabato sera per affrontare una delle migliori squadre del raggruppamento ovvero la Materdomini Castellana Grotte. I pugliesi avranno il dente avvelenato perchè reduci dalla prima sconfitta stagionale per 3-0 contro l’indiscussa e imbattuta capolista Olimpia Bergamo. La Materdomini si ritrova quarta con 15 punti, frutto di 6 vittorie e 2 soli k.o.
Servirà dunque una prova di sostanza da parte dei Passerotti di Coach Sturam, chiamati ad esibirsi ai massimi livelli. Notizie postive (finalmente!) giungono dall’infermeria: Gianluca Saraceni è recuperato ed arruolabile, mentre Jacob Link è rientrato in gruppo anche se prudenzialmente inizierà a saltare dopo il 10 Dicembre. Debellati anche i mali di stagione: solo Eugenio Tassan denuncia una lombalgia che lo ha limitato negli ultimi allenamenti.
Nel campo ospite le operazioni saranno dirette dal giovane (classe ’98) palleggiatore Longo: dinamismo e fantasia sono le sue doti migliori. E’ un palleggiatore che ama molto imbeccare i propri centrali Patriarca e Gargiulo. In banda troviamo l’esperienza di Fiore assieme alla freschezza di Mazzon, giovane proveniente dal vivaio di Treviso. L’attaccante di riferimento soprattutto sille palle che scottano è Roberto Cazzaniga. Opposto di grandissima esperienza, il popolare “Virus” (così soprannominato quando, ancora ragazzino, giocava nell’Asystel Milano guidata da Gian Paolo Montali) è stato per 3 volte il miglior realizzatore della A2 ed è particolarmente insidioso dalla linea di battuta. Porta in dote un paio di Coppa Italia di A2 oltre a varie promozioni e più di 6000 punti messi a segno sui taraflex di Serie A.

L’appuntamento è al PalaPrata per sabato. Inizio gara come di consueto alle 20.30. Diretta streaming su LegaVolleyChannel. Arbitreranno Marta Mesiano e Massimo Piubelli