Un po’ di Tinet in azzurro: Boninfante al lavoro con la nazionale in preparazione a Tokio

27 Maggio 2021
boninfante-e-giannelli.jpeg

Il coach pratese è stato chiamato da Blengini in veste di assistente e sta lavorando all’Acquacetosa assieme al gruppo di “big” che sta preparando le prossime olimpiadi di Tokio
“E’ un’esperienza incredibile ed emozionante che sicuramente accrescerà il mio bagaglio tecnico ed esperienziale di giovane allenatore. Spero di poter riportare presto quanto appreso anche al PalaPrata”

Mentre una squadra, quella dirigenziale, lavora attivamente e febbrilmente per poter organizzare al meglio la prossima stagione sportiva c’è un altro gialloblù che, finite le “fatiche” del campionato, ha colto l’occasione per gettarsi in una nuova ed entusiasmante avventura. Coach Boninfante ha infatti risposto alla chiamata del CT Gianlorenzo Blengini che ha chiesto all’allenatore della Tinet di unirsi al suo gruppo di lavoro per iniziare a mettere le basi della nazionale che andrà ad affrontare la prossima Olimpiade di Tokio.

Non nascondo che la chiamata di Blengini – racconta Dante – mi ha fatto enorme piacere – Sono al Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti all’Acquacetosa a Roma da sabato 22 e rimarrò col gruppo, ad intervalli, per un mese, nelle vesti di aiuto allenator. Qui si riunisce e si allena il gruppo di giocatori più esperti che lavora agli ordini di Blengini mentre si approfitta della Volleyball Nations League per far fare esperienza a ragazzi giovani e talentuosi che verranno guidati in panchina dal secondo del CT, Antonio Valentini”

Com’è respirare l’aria azzurra?
E’ indubbiamente una bellissima emozione indossare nuovamente i colori della nazionale (Dante ha vinto in maglia azzurra la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra nel 2012), anche se con un ruolo diverso e con mansioni da aiutante. E’ per me un’esperienza altamente formativa che aumenterà il mio bagaglio tecnico ed esperienziale che, come allenatore, è ancora giovane. A Trento avevo già avuto occasione di allenare alcuni di questi ragazzi, come Giannelli ad esempio, ma qui le dinamiche di gruppo e gestione sono per forza di cose differenti perché si resta a contatto 24 ore al giorno per un periodo prolungato. Conto di poter riportare parte di quello che sto sperimentando qui anche nel lavoro quotidiano a Prata”

A proposito di Prata: come ti pare si stia preparando la prossima stagione?

“Inutile dire che sono in contatto quotidiano con Luciano Sturam che, come al solito, sta facendo un gran lavoro. Mi fido del lavoro della dirigenza e non vedo l’ora di poter ricominciare un nuovo cammino che mi auguro sia positivo e ricco di soddisfazioni”

(Nella foto Dante Boninfante assieme al regista azzurro Simone Giannelli)