51824501098_3ff6bb5d95_o.jpg

23 Gennaio 2022

Anche se con una partita in più rispetto a Grottazzolina la Tinet Prata può assaporare almeno per questa settimana il sapore del secondo posto in classifica. Ed è la prima volta da quando disputa i campionati di Serie A. Merito di uno staff che fa sentire tutti protagonisti di un sogno e di un gruppo di ragazzi che risponde “presente !” tutte le volte che ogni singolo giocatore viene chiamato in causa. La partita con Savigliano non era facile perché logisticamente complicata e perché il calendario la proponeva dopo l’impresa ottenuta al PalaPrata con Pineto. E invece i gialloblù mettono in cassaforte l’undicesima perla consecutiva e portano a casa uno 0-3 esterno dimostrando grandissima tranquillità e sicurezza nei propri mezzi anche nei momenti nei quali Savigliano ha messo i Passerotti in difficoltà.

Coach Boninfante vara l’ennesima formazione della stagione, cercando anche di gestire le energie al meglio visto che dalla prossima settimana si giocherà in infrasettimanale sia per la Coppa Italia che per i recuperi. E quindi spazio a Novello come opposto. Confermato Bruno in 4 assieme a Porro, turno di riposo per Yordanov. Boninfante decide di cavalcare la fisicità dei centrali e soprattutto capitan Bortolozzo lo ripaga con un set importante. Si parte di slancio: 1-4 sul turno di servizio di Boninfante. Accorcia Savigliano che si affida ai suoi uomini più esperti, Galaverna e Dutto. Ma i gialloblù tentano la fuga: doppia pipe consecutiva di Bruno, muro su Galaverna e bel diagonale in contrattacco di Novello: 9-15. Bortolozzo piazza anche l’ace dell’11-18. La Tinet con maturità gestisce il vantaggio. Un attacco da posto 2 di Galaverna viene giudicato dentro, ma il Video check corregge la decisione degli arbitri e si arriva al set point sul 18-24. Bosio annulla il primo, ma poi Bortolozzo lo stoppa e sigilla il set sul 19-25.

Partenza un po’ sonnacchiosa della Tinet nel secondo parziale con i ragazzi di Boninfante che si ritrovano ad inseguire un Savigliano motivatissimo: 10-6. Poi va in battuta Mattia Boninfante e con un break di 6-0 condito da due ace del giovane regista la partita si ribalta completamente. Salgono anche le quotazioni di Novello, bravo in attacco quando chiamato in causa e Boninfante fa male agli avversari anche a muro: 13-16. Rondoni si esibisce in alcune difese spettacolari e il vantaggio si stabilizza: 14-18. Poi la partita vive una fase di stanca con una lunga teoria di servizi sbagliati da una parte e dall’altra della rete. Novello manda Porro in battuta sul 18-23 e lo schiacciatore genovese sfodera una delle specialità della sua fornita dispensa: doppio ace e parziale chiuso sul 19-25 come nel set precedente.

Il terzo set è il più equilibrato. I piemontesi danno il tutto per tutto e a suonare la carica è Galaverna che porta avanti i suoi con due ace: 8-6. Rientro pratese dopo un ace di Bruno: 16-16. Si gioca punto a punto, ma i padroni di casa sono motivati e vogliono allungare il match. Boninfante cavalca le seconde linee da posto 6 e prima Bruno e poi Porro marcano punti pesanti. Si vedono in campo anche De Giovanni e Dal Col per la battuta e Yordanov per cercare di fare cambio palla in una P1 un po’ bloccata. A sbloccare l’impasse ci pensa il muro. Prima Katalan blocca Bosio, poi è lo stesso opposto a forzare il colpo e a sbagliare. Novello, sempre a muro blocca lo spauracchio Galaverna e procura 3 match point sul 21-24. A chiuderla è lo stesso giovane opposto che mette a terra il punto del decisivo 21-25. La Tinet vuole continuare a correre e lo vuol fare già da mercoledì quando il PalaPrata ospiterà la gara secca degli ottavi di finale di Coppa Italia contro il Sol Lucernari Montecchio

MONGE GERBAUDO SAVIGLIANO – TINET PRATA 0-3

SAVIGLIANO: Gonella 2 , Ghibaudo , Bossolasco, Garelli 1 , Gallo (L), Bosio 9 , Ghio 6 , Galaverna 15 , Rabbia (L), Bergesio , Vittone 2, Cravero, Testa, Dutto 4, Manca. All: Bonifetto

PRATA: : Baldazzi, Katalan 7, Dal Col, Pinarello (L) Yordanov, Gambella, M. Boninfante 6, Bruno 11, De Giovanni, Lauro, Rondoni (L),  Bortolozzo 7, Novello 14, Porro 11. All: D. Boninfante

Arbitri: Russo di Genova e Pristerà di Torino

Parziali: 19-25 / 19-25 / 21-25

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170

CREDIT FOTOGRAFICO – Franco Moret


51824486243_8451925db4_o.jpg

21 Gennaio 2022

Siamo uomini di mondo, cerchiamo l’undicesima vittoria di fila a Cuneo. Poco importa se Savigliano, meta della trasferta della Tinet Prata è distante una trentina di chilometri dal capoluogo di provincia, i gialloblù, sempre per restare in tema di metafora vogliono confermarsi principi del parquet.

La Tinet Prata è partita questa mattina alla volta del Piemonte dopo il consueto allenamento di rifinitura. Il morale è alto e non potrebbe essere altrimenti visto il bel momento che stanno attraversando gli uomini di Dante Boninfante. Dieci vittorie consecutive e il momentaneo podio nel Girone Bianco della Serie A3 Credem Banca.

La partita dell’andata porta alla mente un dolce ricordo: è stata infatti la prima vittoria dell’anno, ma, al contempo, tuttaltro che una passeggiata. Infatti la Monge-Gerbaudo aveva conquistato il primo set, prima di arrendersi nei successivi tre. Solo l’ultimo, finito 25-10 era stata una cavalcata trionfale per i Passerotti che nel secondo e terzo avevano dovuto estrarre dal cilindro tutte le loro risorse. MVP e Top Scorer della gara fu Baldazzi con 22 punti, che è ora in caccia dei 1900 punti in carriera in Serie A (ne mancano 20).

Savigliano è reduce da una sconfitta interna al tie break contro la Geetit Bologna e vorrà sicuramente riscattarsi. Per farlo si appoggerà a quello che è il suo giocatore più esperto ovvero la banda Andrea Galaverna. L’ultimo starting six schierato da Coach Bonifetto prevedeva in diagonale con il forte schiacciatore Dutto, che, ci perdonerà il gioco di parole è veramente duttile avendo giostrato per gran parte della stagione da centrale. Gonella e Ghio sono stati i centrali, mentre la diagonale palleggiatore/opposto era composta da Vittone e Bosio con Rabbia libero.

“Savigliano è una squadra temibile – racconta lo schiacciatore gialloblù Luca Porro – perchè difende molto. Sicuramente non puntano su una grandissima fisicità, ma sbagliano poco, sono molto tecnici e bravi in contrattacco. Hanno una bella qualità di gioco e dovremo mantenere alta le concentrazione In settimana abbiamo lavorato molto sul nostro contrattacco, perchè siamo convinti di poter fare ancora meglio. Poi come sempre battuta e qualità in ricezione saranno determinanti per il risultato”

L’appuntamento è per domani, sabato 22 gennaio, alle 20.30, al Palazzetto di Cavallermaggiore. Arbitreranno Roberto Russo di Genova e Rachela Pristerà di Torino

Diretta streaming garantita dal canale Legavolley.tv

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170

CREDIT FOTOGRAFICO – Franco Moret


8537-Ph.-Franco-Moret-©-2021_.jpg

16 Gennaio 2022

Una Tinet Prata in versione “Real” batte in maniera convincente la capolista ABBA Volley Pineto e come il Real Madrid d’annata conquista la “Decima” (vittoria consecutiva) portandosi in seconda posizione in classifica, ad una sola lunghezza dagli abruzzesi. Ma mentre le merengues potevano contare su un solista d’eccezione come Cristiano Ronaldo i gialloblù fanno del collettivo la loro forza. A testimonianza del fatto c’è il tabellino che a fine gara dimostra come i punti siano stati perfettamente distribuiti tra tutti gli effettivi scesi in campo, sintomo anche di una grande capacità di Mattia Boninfante di chiamare in causa nei momenti giusti i propri compagni e di tenerli tutti in partita.

Affrontare Pineto non era per niente facile. La partita d’andata nella quale gli abruzzesi avevano dominato era ancora ben impressa nelle menti dei Passerotti. A questo si aggiungevano tante piccole e grandi cose che rendevano ancora più necessaria la massima concentrazione: la non perfetta condizione fisica di Luca Porro, recuperato dallo staff dopo una brutta distorsione di caviglia, la lunga pausa agonistica, l’indisponibilità last minute di Pinarello e il rientro di Rondoni dopo un mese di stop causa Covid.

L’Abba Pineto poteva mettere in campo, oltre alle indiscusse capacità tecniche, anche una fisicità molto importante oltre che un ben noto frontman svedese (e e non poteva essere altrimenti visto il nome della squadra): Jacob Link, amato ex di giornata. Il pubblico non ha dimenticato le sue due annate sul parquet di Prata e lo ha applaudito lungamente

La cronaca del match racconta di un primo set imperiale per la Tinet Prata che non sembra soffrire di timore reverenziale per il fatto di giocare contro la capolista. Coach Boninfante da fiducia nello starting six a Manuel Bruno, considerando anche le non perfette condizioni fisiche di Luca Porro. Indisponibile anche Denis Pinarello, ma Andrea Rondoni può riprendere il suo posto al centro della difesa come libero. Il primo punto è una veloce di Matteo Bortolozzo e Mattia Boninfante fa capire che il gioco al centro sarà un fattore visto che il capitano e Katalan viaggiano che è un piacere e saranno autori di una straordinaria gara. Yordanov fa uno squillo in battuta e Baldazzi mette a terra con regolarità i palloni di contrattacco: 14-9. Si catturano anche diversi muri e il divario si allarga fino al 20-12 siglato dall’opposto ferrarese dopo un’autentica magia di Boninfante che fintando di attaccare lo serve lasciandolo senza muro. Bortolozzo e un ace millimetrico di Boninfante portano la Tinet sul set point: 24-15. Il regista sbaglia il servizio successivo ma viene imitato dal centrale abruzzese Calonico e quindi il parziale si conclude per 25-16.

L’Abba rientra in campo con un altro spirito. Viene confermato Disabato in campo per Del Campo e Pineto vola sull’ 1-6. Prata rosicchia punto su punto e con uno Yordanov ispirato si porta sul 13-12. Da questo momento le due squadre procedono a braccetto scambiandosi reciproci dispiaceri. Il duello ad alta quota tra gli opposti Link e Baldazzi è uno spettacolo. Sembra avere la meglio lo svedese che porta i suoi sul 19-21. Ma a rimettere le cose a posto ci pensa Bortolozzo che stoppa l’ex compagno di squadra. La parità è firmata da una grande diagonale stretta di Bruno che fa esaltare il PalaPrata e il sorpasso è certificato da Baldazzi che blocca Del Campo e costringe Rovinelli al time out. Entra Marco Novello e fa subito vedere di essere molto bravo in battuta: ace e 23-21. Pineto sbaglia in attacco e poi Baldazzi mette il punto esclamativo murando il contrattacco sulla diagonale di Link: 25-21.

La riapre Pineto che si dimostra, come si sapeva, squadra di rango. Eppure la Tinet parte a razzo sul turno di servizio di Boninfante: 3-0 e poi 6-3 con un bel muro ad opzione di Katalan su Persoglia. Poi i gialloblù si disuniscono e faticano dannatamente a far cambio palla sul turno di servizio di Omaggi che frutta un break di 6-0 ai sui: 12-9. Boninfante cerca energie fresche in panchina inserendo Porro e Novello per Yordanov e Baldazzi, ma i Passerotti faticano e Pineto arriva a 10-15 con un ace di Link. Novello accorcia sul 17-19, ma poi sbaglia battuta e attacco permettendo aigli abruzzesi di allungare nuovamente: 17-21. Un errore al servizio di Boninfante manda l’Abba al set point, subito concretizzato da Link: 21-25.

Il quarto set è teso. Pineto sfrutta l’abbrivio e scatta sullo 0-3. La Tinet è una formichina e recupera punto su punto. Scatto gialloblu grazie a Bortolozzo ed un muro tetto di Baldazzi: 14-11. Rientra Pineto sul 14-14. Bruno è una furia e mette in mostra tutto il repertorio: pipe, mani fuori e anche un muro su Del Campo. Katalan lo imita e la Tinet fugge: 18-15. Rientro dell’Abba grazie a Link ed un muro su Bruno: 20-18. Porro mette a terra una pipe poi sfrutta una bordata dai 9 metri di Novello, entrato in battuta per schiacciare il 22-18. Una serie di errori in battuta fa avanzare il punteggio fino al match point: 24-21. Del Campo annulla il primo, ma nell’azione successiva in contrattacco Baldazzi viene lasciato senza muro da un’alzata di Rondoni e sigilla il 25-22 finale.

TINET PRATA – ABBA PINETO 3-1

Prata: : Baldazzi 17, Katalan 13, Dal Col, Yordanov 5, Gambella, M. Boninfante 2, Bruno 13, De Giovanni, Lauro (L), Rondoni (L),  Bortolozzo 13, Novello 2, Porro 3. All: D. Boninfante

Abba Pineto: Catone 1, Bertoli 3, Persoglia 4, Link 20, Del Campo 6, Calonico 7, Pesare (L), Giuliani (L), Orlando, Fioretti , Disabato 8, Martinelli,  Omaggi 1, Marolla. All. Rovinelli.

Arbitri: Traversa di Abano Terme e Licchelli di Reggio Emilia

Parziali: 25-16 / 25-21 / 21-25 / 25-22

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170

CREDIT FOTOGRAFICO – Franco Moret


51779616013_8268e251df_o.jpg

14 Gennaio 2022

La Tinet pregusta il grande rientro al PalaPrata e dopo tre settimane di stop più o meno forzato la voglia di tornare in campo è tanta. Quello che mette di fronte i ragazzi di Dante Boninfante alla capolista Abba Pineto può essere valutato come il vero e proprio big match della giornata, considerata la posizione in classifica delle due squadre e il livello di gioco che hanno espresso nella prima parte di campionato.

All’andata il verdetto fu netto e senza appello: Pineto surclassò i Passerotti nettamente, contando su un’ottima prestazione dell’opposto Jacob Link. Dopo i due anni passati nella nostra cittadina siamo sicuri che il pubblico del PalaPrata tributerà il giusto omaggio al giocatore svedese che qui ha lasciato ottimi ricordi.

Il sestetto affidato a Rovinelli può contare sul palleggiatore Catone, che completa la diagonale con Link, e su due bande esperte e tecniche come Bertoli e Del Campo, oltre all’affidabilità di un cambio eccellente come Disabato, che all’andata giocò titolare. Al centro Calonico e il goriziano Sandi Persoglia. Il libero è Ludovico Giuliani, figlio del noto allenatore Alberto.

La Tinet ha grande voglia di rimettersi alla prova e di continuare la propria striscia vincente nonostante al suo cospetto ci sia una vera e propria corazzata. Tutto a disposizione il roster per Coach Boninfante che saprà operare le scelte più opportune.

“Finalmente torniamo a giocare, perchè le pause troppo lunghe non fanno mai bene – sottolinea il tecnico di Battipaglia – Avevamo bisogno di qualche giorno di riposo, ma avremo volentieri giocato la scorsa settimana contro Macerata, se fosse stato possibile. Pineto è una squadra che non ha bisogno di presentazioni. All’andata ci hanno dato un sonoro 3-0. L’Abba è la capolista e soprattutto una squadra ben attrezzata e ben preparata. Cercheremo di fare la nostra miglior partita, per non aver nessun rammarico e poi sarà il campo a decretare quale sarà la squadra migliore”

Gli arbitri saranno Nicola Traversa di Abano Terme e Antonio Licchelli di Reggio Emilia

La diretta streaming sarà garantità dal canale Legavolley.tv

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170

CREDIT FOTOGRAFICO – Franco Moret


51778549592_af310310e0_o.jpg

7 Gennaio 2022

La Tinet Prata ritorna in campo dopo la pausa di fine anno. Lo fa ad un orario inconsueto, le 16.00 di domenica e in un campo veramente ostico, quello della Med Store Tunit Macerata. L’intento dei ragazzi di Dante Boninfante sarà quello di vendicare sportivamente la sconfitta subita all’andata, consci che sarà necessario compiere una vera e propria impresa. I gialloblù sono in fiducia perchè vengono da una serie di 9 successi consecutivi, la più lunga che Prata ricordi da quando calca i campi di Serie A. Nonostante questo si stanno allenando con grande intensità perchè Macerata era all’inizio del campionato considerata una delle grandi favorite per la promozione e sta confermando le aspettative trovandosi ad un solo punto dalla capolista Abba Pineto (che ha una partita in meno). Prata gradirebbe molto fare uno sgambetto che permetterebbe alla Tinet di agganciare o superare i marchigiani. Macerata che è una delle tre squadre che ha stoppato all’andata la Tinet. Quella gara si risolse in uno spettacolare 2-3 finito 13-15 al tie break con Angel Dennis mattatore con 31 punti al quale fece da contraltare Luca Porro con 24 punti. L’opposto cubano, però, non è più nella rosa di Coach Di Pinto che lo ha recentemente sostituito con l’esperto padovano Stefano Giannotti che porta in dote un paio di promozioni dalla A2 alla A1 e quasi 3400 punti in serie A. Il palleggiatore è sempre Longo, mentre in posto 4 il riferimento è Enrico Lazzaretto, che non a caso è reduce da una promozione ottenuta lo scorso anno con Porto Viro. Il lungodegente Ferri viene ottimamente sostituito dall’affidabilissimo Margutti, mentre al centro ci sono Pasquali e Sanfilippo. Il libero è Gabbanelli. La Med Store è reduce da un successo ottenuto al tie break nel derby con la Vigilar Fano del 2 gennaio e può mettere in campo anche il mantenimento del ritmo gara che un po’ manca ai Passerotti che, in compenso, potranno beneficiare del rientro in gruppo del libero Andrea Rondoni, definitivamente negativizzatosi dal Covid.

“La settimana è stata proficua sia in palestra che in sala pesi – racconta il palleggiatore della Tinet Antonio De Giovanni – stiamo dando tutto per affrontare al meglio la ripresa del campionato. Macerata è un’ottima squadra, ma noi con le ultime prestazioni abbiamo dimostrato di non essere da meno. Vedremo chi sarà più bravo domenica”

L’appuntamento è ad un orario un po’ inconsueto, le 16.00, al Banca Macerata Forum.

Arbitreranno Antonio Capolongo di Avellino e Davide Morgillo di Napoli

La diretta streaming sarà garantità dal canale Legavolley.tv

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170

CREDIT FOTOGRAFICO – Franco Moret


51727674355_e60c9751ea_o.jpg

5 Gennaio 2022

I numeri possono essere interpretabili ed, a volte, ingannevoli. Leggendo però i dati statistici raccolti in questo primo scorcio di Girone Bianco della Serie A3 Credem Banca si può ben capire quali siano stati i punti di forza della Tinet Prata di Pordenone. I cardini di un meccanismo ben oliato che ha portato i gialloblu di Coach Dante Boninfante ad infilare in questa parte di stagione nove successi consecutivi.

I DATI DI SQUADRA – 29 i punti messi in cascina dai Passerotti in questo girone d’andata, frutto di 10 vittorie e 3 sconfitte. E’ il migliore inizio di stagione da quando Prata calca i taraflex della Serie A. La Tinet è la squadra che ha realizzato più punti (836) anche se, ad onore del vero può contare su una gara disputata in più rispetto ad altri competitor. E’ settima in graduatoria per punti in attacco (603), ma nettamente prima per punti ottenuti in battuta (107). Questo dato la pone come la squadra più prolifica dell’intera Serie A (incluse Superlega ed A2) ex equo con la Pallavolo Padova. Bene anche i muri vincenti (126) che pongono i ragazzi di Boninfante in quinta posizione assoluta. Posizione che scala di un posto in avanti (quarta) se si considerano il numero di muri effettuati in rapporto ai set giocati.

LE PRESTAZIONI INDIVIDUALI – L’ottimo livello di gioco permette anche agli atleti di eccellere nelle classifiche individuali, esaltando i propri punti di forza. Doppio alloro per Luca Porro che risulta primeggiare sia nella classifica dei più prolifici battitori (con 42 punti diretti conquistati) che nella classifica che tiene conto degli indici di riferimento per gli schiacciatori ricevitori. Dalla battuta arrivano soddisfazioni anche per Mattia Boninfante (6° nella classifica assoluta) e Alberto Baldazzi (10°). Soddisfazione anche per i nostri centraloni che dopo un avvio di campionato per forza di cose diesel, si sono imposti sul proscenio agonistico. Nicolò Katalan è il quarto centrale assoluto per rendimento complessivo ed è sesto nella classifica dei muri punti realizzati, inseguito a distanza di un muro vincente (39 a 38) da Capitan Matteo Bortolozzo.
Bene anche gli schiacciatori con Zlatan Yordanov sesto e Alberto Baldazzi ottavo nella speciale classifica che valuta l’efficienza in attacco. Quindi non solo la capacità di mettere a terra la palla, ma anche di leggere le sistuazioni e gestire i palloni evitando sanguinosi errori diretti.

Ma ragazzi e staff non si crogiolano sugli allori. Il team di lavoro di Dante Boninfante ha già analizzato criticità  e lati positivi del girone d’andata e vuole lavorare per migliorare ancora di più gli indicatori, soprattutto in specifiche situazioni.

L’intenzione è di farlo già domenica nella impegnativa trasferta di domenica a Macerata, che potrà mettere in campo un opposto lussuoso per la categoria (Giannotti) e anche un organico completo che, non a caso, è stato uno dei pochi a stoppare la corsa della Tinet negli ultimi mesi del 2021

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170

CREDIT FOTOGRAFICO – Franco Moret


0418-Ph.-Franco-Moret-©-2021_.jpg

27 Dicembre 2021

Nona sinfonia (consecutiva) della Tinet Prata. Titolo magari banale abusato per situazioni simili. C’è una cosa, però, che non è banale affatto. Ovvero che un gruppo così giovane e con tanti esordienti in categoria, ottenga una striscia di successi così importante. E ancora meno scontato è che lo faccia con un crescendo di gioco innegabile e anche sopportando difficoltà, come la mancanza contemporanea dei due liberi di ruolo, che avrebbero stroncato un… rinoceronte.

Rinoceronti, quelli della Da Rold Belluno che, nel match del giorno di Santo Stefano, hanno dovuto alzare bandiera bianca allo strapotere della Tinet Prata di questo periodo.

Coach Boninfante recupera uno dei due liberi di ruolo, Denis Pinarello, che è nel sestetto iniziale e si disimpegna egregiamente, considerando che anche lui è al rientro dopo l’inattività Covid. Per il resto la formazione rispecchia quella delle ultime gare con Boninfante in regia, Baldazzi opposto, Porro e Yordanov in 4, Katalan e Bortolozzo al centro. Si inizia subito con uno dei fattori della Tinet 2021-22: un bell’ace firmato da Boninfante. Belluno, che deve fare a meno del suo libero titolare Martinez e schiera al suo posto l’ex Gionchetti, è un osso duro e infatti scatta in avanti sul 4-7. Decisivi in questo frangente i centrali con Mozzato in particolare spolvero. La Tinet tiene botta con un altro dei suoi cavalli di battaglia, il muro. Porro mette anche un ace, il numero 100 della stagione per i gialloblù. Si arriva al 16-16. Poi c’è un altro ace di Boninfante e cinque minuti di furore agonistico di Baldazzi che piazza una diagonale stretta imperiosa, seguita da una incredibile difesa acrobatica oltre i tabelloni pubblicitari. Bene anche Yordanov che mette un punto in battuta e fa esplodere il PalaPrata con una pipe poderosa servitagli senza muro da Boninfante: 22-17. Porro fa vedere di essere capace di fare bene mani-out: 23-18. Entra in battuta Dal Col che poi alza perfettamente la palla concretizzata da Baldazzi per il 24-18. De Santis annulla il primo dei numerosi set point, ma poi Belluno sbaglia la battuta e il parziale si chiude sul 25-18.

Partenza sprint dei gialloblù anche nel secondo set. Due muri punto consecutivi di Nicolò Katalan portano il punteggio sul 7-3 e costringono Coach Poletto al minuto di sospensione. Belluno rientra sul turno di servizio di De Santis che con la sua insidiosa salto float mette in difficoltà la ricezione pratese. Ma è sempre la battuta a dare la spinta decisiva alla Tinet. Porro ne mette due vincenti di fila e si arriva così al 17-13. Belluno è costretta a forzare i colpi in attacco perché Prata alza i giri in difesa e i veneti mettono due errori consecutivi con la Tinet che amplia il divario: 20-14. Katalan fa vedere di essere bravo anche in battuta e ne fa altre due vincenti: 22-14. Boninfante serve una sette a Bortolozzo e il capitano si esalta: 23-15. Baldazzi porta i suoi al set point sul 24-16. Poi sbaglia il contrattacco successivo, ma poco male. Sul cambio palla successivo Porro mette a terra il lungolinea vincente e assicura alla Tinet il 2-0: 25-17.

Il terzo parziale fa capire come la Tinet non sia per niente intenzionata a mollare neanche un centimetro. Si inizia subito con un rotondo 4-0 con Boninfante che si esalta in difesa e Porro che risolve dalla seconda linea. Baldazzi concretizza i contrattacchi e Katalan si fa sentire a muro: 10-3. Graziani cerca di accorciare in battuta, ma il treno Tinet è lanciatissimo. Entra anche Manuel Bruno a dare il suo contributo e subito fa esplodere il palazzetto con una pipe al fulmicotone: 19-12. Boninfante mette a terra il pallonetto di seconda del 21-13. Capitan Bortolozzo schianta a terra il primo tempo del 24-16. Belluno annulla il primo, ma Boninfante sente il capitano caldo e lo serve nuovamente. Bortolozzo apprezza la fiducia e ripaga il suo palleggiatore con il punto che manda in visibilio il PalaPrata. Si chiude 25-17 con una grandissima prestazione. Ora si devono attendere le decisioni della Lega per la Coppa Italia che è programmata per il 2 gennaio. Ma non si sono giocate tre partite e quindi la graduatoria, che qualificherebbe le squadre nelle prime otto posizioni, non è definitiva. Si attendono ulteriori comunicati per conoscere accoppiamenti o eventuali nuove disposizioni.

TINET PRATA – DA ROLD LOGISTICS BELLUNO 3-0

Prata: : Baldazzi 16, Katalan 10, Dal Col, Pinarello (L), Yordanov 9, Gambella, M. Boninfante 5, Bruno 1, De Giovanni, Lauro (L), Bortolozzo 6, Novello, Porro 11. All: D. Boninfante

Belluno: Piazzetta 5, Gionchetti (L), Maccabruni 1, De Santis 7, Della Vecchia, Graziani 10, Mozzato 6, Milani, Ostuzzi 5, Paganin, Guolla, Pierobon. All: Poletto

Arbitri: Serafin e Traversa di Padova

Parziali: 25-18 / 25-17 / 25-17

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170

CREDIT FOTOGRAFICO – Franco Moret


51735654569_76c3869f3b_o-1.jpg

24 Dicembre 2021

In natura il Passerotto, per quanto indomito e coraggioso, sarebbe impossibilitato a sovrastare un rinoceronte. Su un campo da pallavolo, invece, pur prestando grandissima attenzione, potrebbe anche giocarsela ad armi pari e provare a vincere la contesa. E’ quello che succederà, giocando con le mascotte dei rispettivi team, il giorno di Santo Stefano tra la Tinet Prata e la Da Rold Logistics Belluno, squadre che hanno appunto come emblema un passerotto e un rinoceronte.

La Tinet Prata ha raggiunto gli otto successi consecutivi, ma nonostante il periodo, non intende fermarsi e neanche travestirsi da Babbo Natale omaggiando di punti la Da Rold Logistics Belluno. Squadra tosta e combattiva, sempre determinata come dimostrano i sette tie break disputati su dodici gare giocate dai bellunesi. La truppa guidata da Coach Diego Poletto può contare su parecchi volti noti. Oltre agli ex Matteo Piazzetta e Alberto Gionchetti, al palleggio c’è Maccabruni, già incontrato quando giocava a Bolzano nella scorsa stagione e ancora prima a Cisano Bergamasco. A schiacciare da posto 2 Danilo De Santis, ex S. Donà. Di tutto rispetto la batteria dei posti 4 con l’esperto Graziani, lo scorso anno a Portomaggiore affiancato al più giovane Ostuzzi. Al centro Piazzetta e il 2002 Mozzato che si sta distinguendo in questo scorcio di stagione. Il libero è Gonzalo Martinez, figlio del noto allenatore Mario.

La Da Rold Logistics è reduce da una sconfitta contro Portomaggiore, ma si presenterà al PalaPrata motivatissima perché può ancora raggiungere la qualificazione alla Coppa Italia.

In casa Tinet buone notizie dall’infermeria: Denis Pinarello si è negativizzato e ha ripreso gli allenamenti. Un’arma in più nello scacchiere di Coach Dante Boninfante. Ancora fermo ai box, invece, Andrea Rondoni. Per il libero di Velletri bisogna ancora pazientare nell’attesa di ricevere il tanto agognato tampone negativo.

Arbitreranno Denis Serafin e Nicola Traversa di Padova

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170


2Z1A4990-1280x853.jpg

20 Dicembre 2021

La Tinet Prata passa come un rullo compressore sulla Geetit Bologna, firmando l’ottava vittoria consecutiva e blindando il quarto posto che garantisce di giocare la partita degli ottavi di finale di Coppa Italia in casa il prossimo due di gennaio. Una autentica prova di forza dei gialloblù con Bologna che è stata letteralmente annientata grazie ai marchi di fabbrica gialloblù ovvero l’estrema efficacia del servizio e la compostezza del muro difesa. E questa cosa ha quasi fatto passare inosservato un fatto che avrebbe messo in ginocchio più di una squadra ovvero la contemporanea assenza di Andrea Rondoni e Denis Pinarello, ovvero i due liberi di ruolo presenti nel roster, entrambi appiedati dal Covid.

Dopo un avvio un po’ diesel forse anche causato dal ritardato inizio del match a causa del mancato arrivo dei mezzi di soccorso, la Tinet si scioglie ed inizia a macinare gioco. Come nella vincente trasferta di Grottazzolina a ricoprire il ruolo di libero ci pensa Manuel Bruno. Completano la formazione Boninfante in palleggio, Baldazzi opposto, Katalan e Bortolozzo al centro, Yordanov e Porro in posto 4. Come si diceva l’inizio è un po’ a rilento con parecchi errori di misura da entrambi i lati del taraflex. Cerca la fuga la Geetit Bologna con un indiavolato Maretti che stampa 4 punti di fila. La pipe di Dalmonte porta i padroni di casa sul 10-8. Baldazzi riduce le distanze e poi entra in scena Nicolò Katalan dai 9 metri. Propizia un break di 0-7, condito anche da due ace che indirizza decisamente l’andamento del set grazie anche al buon lavoro coordinato del muro. Altro giro importante di battuta è quello di Yordanov che ottiene due ace “sporchi”: 12-19. Si iscrive alla sagra del muro anche Boninfante: 14-22. La Tinet mantiene alto il proprio livello di gioco e Baldazzi la chiude sul 16-25.

Raddoppia la Tinet con una certa autorevolezza, con un parziale che avrebbe potuto essere ancora più netto se nel finale i gialloblù non avessero messo qualche errore in più rispetto all’andamento del set. I ragazzi di Boninfante, in ogni caso hanno messo in mostra i loro marchi di fabbrica come l’aggressività in battuta e l’efficacia del muro. Questa volta il primo break è propiziato dal turno di battuta di Mattia Boninfante e dalla chirurgica efficacia in contrattacco di Baldazzi: 8-14. Baldazzi si fa sentire anche a muro: 11-16. Si vede in campo anche Fabio Dal Col che manda a riposare in panca capitan Bortolozzo. Il divario si allarga fino al 13-23 dopo una pipe di Porro. Grazie alla buona vena di Spagnol i felsinei accorciano fino al 17-23. Poi Marcoionni sbaglia la battuta salto float. Porro non concretizza il primo set point. Nell’azione successiva Boninfante serve il primo tempo a Dal Col che da ragione al proprio palleggiatore schiantando la palla nei tre metri e chiudendo il parziale sul 18-25.

Il terzo parziale è una cavalcata trionfale. Porro dimostra di essere l’aceman più prolifico del campionato e ne piazza due di seguito: 4-9. La sosta in panchina ripropone un capitan Bortolozzo motivatissimo. L’intesa con Boninfante funziona e il risultato è un primo tempo al fulmicotone: 6-11. Porro fa vedere di essere fortissimo in pipe, ma anche abile nel tirare forte in lungolinea e Bortolozzo concede il bis: 7-14. Katalan completa la felice giornata dei centri con una combo: primo tempo e muro su Maretti. Baldazzi non vuole essere da meno e mette anche lui due battute vincenti consecutive: 10-21. Coach Boninfante fa mettere minuti preziosi di gioco sulle gambe anche a Fabrizio Gambella e il prodotto del vivaio gialloblù, appena rientrato da un fastidioso infortunio agli addominali mette subito a segno il punto del match point: 12-24. Esordio in Serie A anche per il libero dell’ U19, classe 2004, Francesco Lauro, che sostituisce Katalan in battuta. Bologna annulla con un muro il primo dei dodici match point, ma poi si arrende quando Gambella mette a terra il diagonale vincente che chiude la gara. La Tinet non vuole fermarsi e lavorerà anche durante le feste. Il girone di andata, infatti, si chiuderà il giorno di Santo Stefano quando i Passerotti ospiteranno al PalaPrata la Da Rold Belluno.

GEETIT BOLOGNA  – TINET PRATA 0-3

Bologna: Boesso, Soglia 6, Maretti 7, Bonatesta, Venturi, Cogliati, Ghezzi (L), Faiulli, Zappalà, Marcoionni 2, Dalmonte 4, Spagnol 10, Trigari Meer (L). All: Asta

Prata: Baldazzi 15, Katalan 7, Dal Col 1, Yordanov 6, Gambella 2, M. Boninfante 2, Bruno (L), De Giovanni, Lauro (L), Bortolozzo 8, Novello, Porro 14. All: D. Boninfante

Arbitri: Oranelli di Spoleto e Proietti di Perugia

Parziali: 16-25/ 18-25 / 13-25

UFFICIO STAMPA – Mauro Rossato – press@volleyprata.it – 347.6853170


4345-Ph.-Franco-Moret-©-2021_.jpg

17 Dicembre 2021

Settimana di scontri incrociati per il settore giovanile maschile. La Serie C Santalucia Mobili affronterà il derby con il Futura Cordenons. Particolarissima la situazione: gli U19 giocheranno sabato da avversari e poi riuniranno le forze nel pomeriggio di domenica per affrontare nel campionato di categoria il Volley Ball Gemona. Doppio impegno in back to back contro il Pasian di Prato per i ragazzi di Coach Francesco Pighin che affronteranno sia in Serie D che in U17 gli udinesi.

Siamo pronti per l’ultima partita prima della sosta natalizia, ed è un derby – racconta un motivatissimo Manolo Pat – sarà una partita complicata considerando che andiamo a giocare contro una delle principali candidate al salto di categoria, con un organico di grande esperienza e con giocatori abituati a calcare parquet di categorie superiori come l’opposto Boz o il grande ex Cristian Corazza. Recuperiamo quasi tutto l’organico, tranne ovviamente Gaiatto che non ha ancora recuperato dall’infortunio alla caviglia. Quindi dovremo affrontarla con il coltello fra i denti. Abbiamo lavorato molto sul nostro cambio palla e se riuscissimo a portare a casa dei punti sarebbe una gran cosa. In U19, dopo essere stati avversari la sera prima, domenica andremo a giocare tutti assieme in quel di Gemona. Loro iniziano il campionato proprio con questa gara. Sappiamo che hanno alcune buone individualità e noi dobbiamo proseguire nel percorso di crescita che abbiamo intrapreso e che ci fa intravvedere già qualche buon risultato. Abbiamo ancora molto da fare e dobbiamo continuare su questa strada. I ragazzi si stanno impegnando molto e siamo esigenti a chieder loro costanza e sacrifici, ma dimostrano grande voglia di lavorare e speriamo che questo stress porti a risultati che questo gruppo merita. E’ stato un anno fantastico che ci ha portato alla finale nazionale di Serie D e ringrazio quotidianamente la società che ci permette di svolgere al meglio il nostro lavoro”

Back to back per la Serie D di Coach Pighin che, come una franchigia NBA, affronta il Pasian di Pradamano sia in Serie D (sabato ore 20.30 al PalaPrata) che in U17 (domenica ore 10.30 alle Scuole Medie di Prata)

“Stiamo arrivando alla conclusione di questo 2021 con un carico di lavoro molto importante per i ragazzi – ragiona Francesco Pighin – la doppia gara con gli udinesi sarà molto importante sia per consolidare la classifica di U17 che ci vede primi con due vittorie, sia in Serie D dove dobbiamo invertire la rotta a livello di risultati, nonostante le ottime prestazioni da parte di tutti i ragazzi nell’ultimo periodo, riconosciute anche dai tecnici avversari. Non saranno le ultime gare per i ragazzi che saranno impegnati dal 28 al 30 Dicembre nella Cornacchia Winter Cup U17 assieme ai ragazzi di Cordenons. Se devo fare un bilancio del mio 2021 lo ritengo un anno importante di cambiamenti che mi ha visto impegnato per la prima volta come allenatore e voglio ringraziare la società per aver agevolato il mio processo di crescita e avermi permesso, al fianco di Manolo Pat, di raggiungere traguardi importanti a livello nazionale. Ringrazio inoltre i miei atleti che quotidianamente si impegnano e sono convinto che assieme potranno ripetere i risultati già ottenuti”.

Vuole continuare a correre anche l’U15 di Claudio Bertoncin, reduce da due convincenti successi. Alle 11.00 di domenica i giovani Passerotti saranno ospiti della palestra Bellavitis dove giocheranno contro l’Aurora Volley Udine.

Derby sull’asse Prata-Cordenons anche per i ragazzi dell’U13 che giocheranno alla Palestra delle Scuole Medie di Cordenons alle 15.00 contro il Futura. Per i ragazzi di Maddalena Cecchetto l’obiettivo è mettere in pratica gli obiettivi tecnici provati in allenamento.

Stessa allenatrice e stessi obiettivi per l’U14 Femminile che domani sarà impegnata alle 15.00 al PalaPrata contro il Blu Volley Pordenone.

L’ U16 Brugnera Prata Mascarin vuole mantenere il secondo posto in classifica e cercherà di portare a casa la posta piena domani alle 17.00 con Spilimbergo

Infine la Prima Divisione Femminile Tinet vuole ritrovare il gusto della vittoria e proverà a cogliere il successo in casa del Bielectra Cordenons domani alle 20.45